Le prime cure

Prima di porre i nostri fiori in un contenitore eliminiamo le foglie sottostanti in modo che solo gli

steli restino a contatto con l'acqua. Procediamo quindi al taglio dello stelo che va fatto in modo

differente a seconda del fiore . In linea di massima il taglio va fatto con un coltello in modo obliquo

per maggiorare la superficie di assorbimento dell'acqua . Evitiamo le forbici che schiacciano lo

stelo e rovinano i vasi addetti al trasporto dell'acqua . E' bene tagliare gli steli cavi direttamente in

acqua in modo che non si formino bolle di aria nei gambi . Gli steli legnosi è meglio tagliarli anche

in altezza facendo due tagli a croce (si possono anche schiacciare  e battere ma cio' favorisce la

formazione di marciume) . Tutti gli steli semilegnosi come le margherite e i crisantemi vanno

spezzati con le mani per facilitare la risalita dell'acqua al loro interno . Per quanto riguarda gli steli

che secernono lattice ( Poinsettia ,Dalia ,Euforbia , Papavero...) è bene scottarli : esponiamo la

parte finale del gambo al calore di una fiamma  o immergiamo in acqua a 60 - 80 gradi ; il lattice si

coaugola e non fuoriesce. Proteggiamo i fiori avvolgendoli in in una carta durante l'esposizione al

calore . Gli steli dei fiori carnosi (come per esempuio l ' Helleborus) vanno tagliati per circa 3 cm su

una sola parte dello stelo.

 


Altro in questa categoria: « Conservazione Valutare la freschezza »

    logo